FESTA MOBILE

FESTA MOBILE
La collezione di mobili e oggetti FESTA MOBILE, PARIGI ANNI VENTI che ho disegnato per altreforme è dedicata alla mia amata Parigi, città dove ho vissuto intensamente per quattro anni e, dove ho scovato dai bouquinistes del lungosenna Paris est une fête, l’edizione francese di Festa Mobile di Ernest Hemingway, testimonianza degli anni vissuti dallo scrittore a Parigi, ma soprattutto di una vita artistica e culturale unica.
Così, come il protagonista del film di Woody Allen Midnight in Paris, ho immaginato di essere catapultata nella Ville lumière degli anni folli, cuore della sperimentazione culturale e dell’avanguardia per gli artisti di tutto il mondo.
Ho camminato lungo i Boulevard di Saint Germain e Montparnasse; mi sono seduta nei café, nei bistrot, nelle brasserie e ovunque ho lasciato una traccia: barattoli e vasi di Pandora in alluminio disseminati per trovare la via del ritorno. Le mie briciole di Pollicino le ho quindi chiamate: La Coupole, Le Dôme, Lipp, La Rotonde, Les Deux-Magots, La Closerie des Lilas, Harry’s Bar, Le Sélect, Lutétia, Café de la Mairie, Café de Flore, Le Falstaff, Café des Amateurs e Dingo bar.
Ho poi visitato gli atelier; ho bazzicato teatri, librerie e salotti parigini. Nel mio divagare ho immaginato di incontrare e conoscere alcuni dei protagonisti di quegli anni, di poter passare del tempo con loro e di offrire a ciascuno un dono. A Ernest Hemingway, ad esempio, ho regalato un mobile bar per rendere piacevoli le sue bevute solitarie.
Grazie Ernest per avermi dato l’idea, grazie Valentina per avermi dato la possibilità di realizzarla.

Elena Cutolo


La collezione di mobili e oggetti FESTA MOBILE, PARIGI ANNI VENTI che ho disegnato per altreforme è dedicata alla mia amata Parigi, città dove ho vissuto intensamente per quattro anni e, dove ho scovato dai bouquinistes del lungosenna Paris est une fête, l’edizione francese di Festa Mobile di Ernest Hemingway, testimonianza degli anni vissuti dallo scrittore a Parigi, ma soprattutto di una vita artistica e culturale unica.
Così, come il protagonista del film di Woody Allen Midnight in Paris, ho immaginato di essere catapultata nella Ville lumière degli anni folli, cuore della sperimentazione culturale e dell’avanguardia per gli artisti di tutto il mondo.
Ho camminato lungo i Boulevard di Saint Germain e Montparnasse; mi sono seduta nei café, nei bistrot, nelle brasserie e ovunque ho lasciato una traccia: barattoli e vasi di Pandora in alluminio disseminati per trovare la via del ritorno. Le mie briciole di Pollicino le ho quindi chiamate: La Coupole, Le Dôme, Lipp, La Rotonde, Les Deux-Magots, La Closerie des Lilas, Harry’s Bar, Le Sélect, Lutétia, Café de la Mairie, Café de Flore, Le Falstaff, Café des Amateurs e Dingo bar.
Ho poi visitato gli atelier; ho bazzicato teatri, librerie e salotti parigini. Nel mio divagare ho immaginato di incontrare e conoscere alcuni dei protagonisti di quegli anni, di poter passare del tempo con loro e di offrire a ciascuno un dono. A Ernest Hemingway, ad esempio, ho regalato un mobile bar per rendere piacevoli le sue bevute solitarie.
Grazie Ernest per avermi dato l’idea, grazie Valentina per avermi dato la possibilità di realizzarla.

Elena Cutolo


Prodotti
Visualizza

Zelda
Tavolini
Visualizza

Francis
Sedute
Visualizza

Coco
Tavoli
Visualizza

Coco
Consolle
Visualizza

Pablo
Armadi
Visualizza

Jean
Vasi
Visualizza

Amedeo
Vasi
Visualizza

Henri
Vasi
Visualizza

Ernest
Armadi
Visualizza

Shakespeare & Company
Librerie
Visualizza

Erik
Armadi
Visualizza

Erik
Cassettiere
Visualizza

Kiki
Armadi
Visualizza

Joan
Cassettiere
Visualizza

Man
Armadi
Visualizza

Sonia
Sedute
Visualizza

Salvador
Sedie
Visualizza

Josèphine
Lampade
Visualizza

Gertrude&Alice
Sedute
Visualizza

Tamara
Accessori
Visualizza

Fernand
Accessori
Visualizza

Polidor
Accessori
Visualizza

Festa mobile pots
Vasi
Visualizza

Festa mobile jars
Vasi
Visualizza

Tyche
Accessori
< Torna alle collezioni